06 36001374 info@anacap.it

Tar Lazio- Roma, Sez. I Ter- sentenza 8 maggio 2009 n. 5035 – Commissione di gara – Composizione – Possesso dei requisiti minimi di professionalità da parte dei componenti

8 Mag 2009 | ARCHIVIO STORICO

L’art. 84, comma 2, del d.lgs. n. 163 del 2006 (Codice degli appalti pubblici) – il quale impone, nella formazione delle commissioni di gara, la nomina di “esperti nello specifico settore cui si riferisce l’oggetto dell’appalto” – ha esteso, con carattere di generalità, al settore delle procedure ad evidenza pubblica il principio, già fissato, con riguardo all’aggiudicazione di lavori pubblici, dall’art.21 della legge n. 109 del 1994; tale norma va interpretata anche alla luce delle altre disposizioni del citato art. 84 e, sovra tutto, richiede, al fine di potersene fondatamente assumere la violazione, un giudizio condotto non ex post, ma affidandosi ad una valutazione c.d. ex ante; e cioè ad una valutazione da collocarsi idealmente in una fase anteriore alla conoscenza concreta dei progetti tecnici al fine di appurare se, già in tale fase, la lettura della lex specialis e del relativo capitolato deponevano inequivocamente per la natura ed il tenore tecnico dei progetti sui quali la commissione è chiamata ad esprimersi.