06 36001374 info@anacap.it

Corte di Cassazione sentenza n. 4532/2008

22 Feb 2008 | ARCHIVIO STORICO

Anche nel caso di contratti della P.A., la disdetta costituisce un atto negoziale unilaterale recettizio, concretizzantesi in una dichiarazione diretta a manifestare alla controparte la volontà che il contratto non si proroghi alla scadenza. Essa, come tutti gli atti negoziali unilaterali recettizi (art. 1334 cod. civ.), produce il suo effetto – che è quello di porre fine irrevocabilmente al rapporto contrattuale alla data originariamente stabilita – nel momento in cui è ricevuta dal destinatario e indipendentemente dalla sua accettazione. Essa, pertanto, può essere utilmente revocata, impedendosene l’efficacia, solo prima che pervenga al destinatario.