06 36001374 info@anacap.it

Parere: la fatturazione dell'aggio di riscossione

24 Apr 2015 | ARCHIVIO STORICO

E’ stato posto il quesito diretto a conoscere se sussista, per le società affidatarie del servizio di riscossione dei tributi iscritte all’albo ex art. 53 del Dlgs n.446, l’obbligo di emettere fattura per il corrispettivo ( aggio) percepito a seguito della riscossione dell’entrata pubblica.
A tale riguardo, occorre operare alcune preventive chiarificazioni.
L’aggio riscosso nei termini suindicati, è soggetto ad IVA sulla scorta di una normativa in vigore prima delle disposizioni contenute nel d.lgs. 179/2012, rubricato «Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese», che esonerava dal tributo solo il corrispettivo strettamente collegato alla riscossione dell’entrata, escludendo quello relativo alle attività di accertamento e liquidazione In tal senso depongono ripetute risoluzioni dell’Autorità amministrativa.
Erroneamente viene menzionato come rilevante e produttivo di effetti per le società ex art 53 del Dlgs 446 il DM del 2 dicembre 1980, normativa che non è, applicabile al rapporto che si instaura tra l’Ente locale concedente e la società predetta.
Come si desume agevolmente dalla lettura del titolo, infatti, il decreto ministeriale si riferisce alle operazioni effettuate dagli esattori comunali e consorziali, ovvero dagli agenti della riscossione, ossia da Equitalia, in conseguenza della riforma di cui alla legge 22 novembre 2007, n. 265.
Le operazioni di accertamento, liquidazione e riscossione dei tributi, svolte dalle società iscritte all’Albo ex. art 53 d.lgs. 446/97, rientrano a pieno titolo nella categoria di attività d’impresa, potendo esse sussumersi sotto la fattispecie di prestazioni di servizi a titolo oneroso, di cui l’aggio trattenuto rappresenta il compenso.
La materia che qui ci occupa rimane, dunque, disciplinata dal D.P.R. n. 633/1972, ragione per la quale permane l’obbligo per le Aziende concessionarie del servizio di riscossione dei tributi locali di emissione della fattura relativa all’aggio trattenuto in funzione di tali operazioni.