06 36001374 info@anacap.it

Gara servizio verbali c.d.s. – iscrizione all’albo

4 Ago 2012 | ARCHIVIO STORICO

TAR Toscana 1329 del 16.7.2012

Con la sentenza 1329 del 16/7/2012 il TAR Toscana ha ritenuto legittima una clausola del bando di gara per l’affidamento del servizio di gestione dei verbali al codice della strada che richiede, quale requisito di partecipazione, l’iscrizione all’albo dei concessionari della riscossione. Il TAR evidenzia che l’attività da svolgere prevede, oltre alla mera gestione amministrativa (inserimento dati, imbustamento e spedizione verbali, ecc.), anche la gestione dei pagamenti spontanei e la riscossione coattiva. Pertanto, “appare tutt’altro che eccessivo o sproporzionato il requisito di gara, stante la comprensibile necessità dell’ente pubblico di avere le massime garanzie da parte degli operatori privati che vengono a svolgere importanti compiti di collaborazione con lo svolgimento di delicate funzioni di rilevanza pubblicistica”. La pronuncia ci consente di evidenziare alcune questioni: 1) si dovrebbe parlare di attività “riservata” ai concessionari iscritti all’albo, essendo prevista la fase della riscossione coattiva e quindi l’emissione di ingiunzione fiscale e la successiva esecuzione forzata; 2) un soggetto privato non iscritto all’albo non sarebbe legittimato ad emettere l’ingiunzione fiscale, trattandosi di attività pubblicistica che la normativa riserva a determinati soggetti abilitati; 3) la Cassazione (Sez. III, sentenza n. 8460 del 9/4/2010, in TN n. 10/2010) ha affermato che la riscossione coattiva dei verbali al codice della strada può essere effettuata attraverso l’ingiunzione fiscale in alternativa al ruolo (che non è uno strumento esclusivo della riscossione); 4) dal 2013 non sarà più possibile utilizzare lo strumento del ruolo, in quanto Equitalia esce dal comparto delle entrate locali.