06 36001374 info@anacap.it

Decreto-legge 15/10/2013 n. 120: misure urgenti di riequilibrio della finanza pubblica

29 Nov 2013 | ARCHIVIO STORICO

Sulla Gazzetta Ufficiale del 15/10/2013 è stato pubblicato il decreto-legge 15 ottobre 2013, n. 120 avente ad oggetto “Misure urgenti di riequilibrio della finanza pubblica nonché in materia di immigrazione”, entrato in vigore lo stesso giorno. Si riporta il contenuto dell’art. 2 (rubricato “Disposizioni in tema di finanza degli enti territoriali”) ed in particolare dei commi da 1 a 4:
1. Per l’anno 2013, ad integrazione del fondo di solidarietà comunale di cui all’articolo 1, comma 380, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, spettante a ciascun comune in attuazione del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di cui alla lettera b) del medesimo comma 380, è riconosciuto un contributo per un importo complessivo di 120 milioni di euro, ripartito tra i comuni nella misura indicata nell’allegata tabella A al presente decreto.
2. Il contributo attribuito a ciascun comune in applicazione del comma 1 non è considerato tra le entrate finali di cui all’articolo 31, comma 3, della legge 12 novembre 2011, n. 183, rilevanti ai fini del patto di stabilità interno 2013.
3. Alla copertura dell’onere derivante dal comma 1, pari a 120 milioni di euro per l’anno 2013, si provvede, quanto a 30 milioni di euro, mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, comma 10, del decreto-legge 8 aprile 2013, n. 35, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 giugno 2013, n. 64, utilizzando la dotazione per l’anno 2013 della “Sezione per assicurare la liquidità per pagamenti dei debiti certi, liquidi ed esigibili degli enti locali” e quanto a 90 milioni di euro, mediante corrispondente riduzione dell’autorizzazione di spesa di cui all’articolo 1, comma 122, della legge 24 dicembre 2012, n. 228, per la parte di contributo non attribuito alle Regioni Puglia e Molise.
4. All’onere derivante dall’attuazione del comma 3, in termini di minori interessi attivi per il bilancio dello Stato, pari a euro 1.000.000 a decorrere dall’anno 2014 si provvede mediante corrispondente riduzione del Fondo per interventi strutturali di politica economica, di cui all’articolo 10, comma 5, del decreto-legge 29 novembre 2004, n. 282, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 dicembre 2004, n. 307.