06 36001374 info@anacap.it

Cassazione 23584 dell’11/11/2011: ICI – enti ecclesiastici non esenti per attività oggettivamente commerciali (gestione di pensionati con pagamento di rette)

27 Dic 2011 | ARCHIVIO STORICO

Cassazione 23584 dell’11.11.2011 – ICI

Con l’ordinanza n. 23584 dell’11/11/2011 la Sezione Tributaria della Cassazione è tornata sulla controversa fattispecie di esonero ICI prevista dall’art. 7 lett. i) del d.lgs. n. 504/92, con particolare riferimento agli enti ecclesiastici. Il caso sottoposto all’esame della Cassazione riguarda la gestione di pensionati con pagamento di rette, di proprietà di un Istituto Religioso il quale contesta un avviso di accertamento relativo all’annualità 2000 rivendicando l’esonero dall’ICI. La Cassazione respinge il ricorso dell’ente ecclesiastico richiamando il principio giurisprudenziale secondo cui in tema di imposta comunale sugli immobili (ICI), l’esenzione prevista dall’art. 7 comma 1 lett. i) del d.lgs. n. 504/92, spetta a condizione che gli immobili – appartenenti ai soggetti di cui all’art. 87 comma 1 lett. c) del D.P.R. n. 917/86 – siano destinati esclusivamente allo svolgimento di una delle attività contemplate nella norma medesima, tra le quali, nel caso degli enti ecclesiastici, anche quelle indicate nel richiamato della legge n. 222/85 art. 16 lett. a) (attività di religione o di culto, cioè dirette all’esercizio del culto e alla cura delle anime, alla formazione del clero e dei religiosi, a scopi missionari, alla catechesi, all’educazione cristiana). Ne consegue che il beneficio dell’esenzione dall’imposta non spetta in relazione agli immobili, appartenenti ad un ente ecclesiastico come pure agli enti di istruzione e beneficenza, ai quali quelli ecclesiastici aventi fine di religione o di culto sono, ai fini tributari, equiparati della legge n. 121/85, che siano destinati allo svolgimento di attività oggettivamente commerciali.