06 36001374 info@anacap.it

Bologna 19/10/2012: convegno ANACAP sulla riscossione

20 Nov 2012 | ARCHIVIO STORICO

Il 19 ottobre scorso si è tenuto a Bologna un convegno sul tema “RIFORMA DELLA GESTIONE DELLE ENTRATE DEI COMUNI E RIFORMA DELLA RISCOSSIONE COATTIVA”, organizzato dall’ANACAP (associazione nazionale aziende concessionarie servizi entrate enti locali) nell’ambito dell’assemblea nazione ANCI. Sono intervenuti il Dr. Gianni Trovati del quotidiano “Il Sole 24 Ore” (che è anche coordinatore dell’evento), l’Avv. Pietro di Benedetto (Presidente ANACAP), il Dott. Alessandro Gargani (Amministratore Unico ANCI Riscossioni e Vice Direttore Generale ANCI), il Dott. Giuseppe Debenedetto (Direttore di Tributi News ed esperto de “Il Sole 24 Ore”), il Dott. Andrea Ferri (responsabile dipartimento entrate locali e riscossione IFEL) e il Dott. Mauro Cammarata (Dirigente servizi Finanziari del Comune di Bologna). Il convegno è stato molto seguito ed ha visto numerosissimi partecipanti. Il presidente dell’ANACAP, avv. Pietro di Benedetto, ha evidenziato che l’incontro ricade in un momento particolarmente delicato ed importante per il sistema della gestione delle entrate locali, almeno per due ragioni: 1) perché è comunemente avvertita la necessità di una riforma che disciplini in maniera sistematica la riscossione coattiva delle entrate degli enti locali; 2) perché è parimenti avvertita la necessità di riformare l’istituto della concessione a soggetti esterni all’amministrazione, prevedendo severi meccanismi di controllo e di vigilanza delle attività gestionali. Sul punto il presidente dell’ANACAP ha sottolineato di aver già da tempo chiesto l’introduzione di regole stringenti ed imparziali che garantiscano trasparenza e rigore gestionale, nella convinzione che l’istituto della concessione ha una prospettiva di crescita se si evita l’ingresso nel sistema di soggetti privi di requisiti morali e tecnici e se si assicura la trasparenza, l’efficienza e l’economicità delle gestioni. Inoltre, l’ANACAP ha elaborato con l’ANCI un testo di riforma della riscossione coattiva, da offrire alla valutazione e al giudizio del legislatore delegato. Il dott. Debenedetto (direttore di Tributi News) ha fatto il punto della situazione attuale ed ipotizzando gli scenari futuri, evidenziando che nell’ultimo anno la disciplina della riscossione delle entrate locali è stata modificata almeno 5 volte (legge 106/2011, legge n. 214/2011, legge n. 14/2012, legge n. 44/2012), da ultimo dal d.l. 174/2012 che ha disposto il blocco del regime attuale fino al 30 giugno 2013. Durante l’intervento sono stati posti in rilievo i nodi ancora da sciogliere: 1) il soggetto che dovrà sostituire Equitalia; 2) i moduli organizzativi del servizio (gestione diretta, esternalizzata, le società partecipate); 3) il problema della carenza nei comuni del funzionario responsabile della riscossione, figura indispensabile per la riscossione coattiva ma impossibile da reclutare; 4) la riscossione coattiva “a doppia velocità” e le differenze tra il ruolo e l’ingiunzione fiscale; 5) l’esigenza di riordinare la materia al più presto. Su quest’ultimo punto sono stati evidenziati i sei criteri direttivi della riforma della riscossione contenuta nel DDL delega sistema fiscale (AC5291), approvato dalla Camera il 12/10/2012.