06 36001374 info@anacap.it

ACCERTAMENTO E RISCOSSIONE TRIBUTI LOCALI: CONCLUSA LA GARA DELL’EMILIA ROMAGNA

7 Mar 2013 | ARCHIVIO STORICO

Il 5 febbraio scorso si è conclusa la gara della Regione Emilia-Romagna per le attività di supporto alla gestione dei tributi locali. Si tratta di una gara europea bandita dall’Agenzia regionale Intercent-ER, che agisce come centrale di committenza in virtù della Legge Regionale n. 11/2004. I Comuni dell’Emilia Romagna potranno ora migliorare i servizi tributari in termini qualitativi ed economici. Peraltro la soluzione di bandire una gara unica su base regionale, sollecitata dall’Anci Emilia Romagna, potrebbe fare da apripista ad altre regioni, tra cui la Toscana e il Piemonte. Occorre precisare che la gara bandita dalla regione Emilia Romagna riguarda una serie di attività strumentali di supporto, gravando sui comuni la firma degli atti e in genere la responsabilità di tutta l’azione dell’affidatario. Solo gli atti relativi alla fase esecutiva (pignoramenti, espropriazioni) dovranno essere curati e firmati dall’ufficiale della riscossione “fornito dallo stesso aggiudicatario, su richiesta dell’ente”. Si risolve così il problema del soggetto che deve curare le procedure esecutive, inesistente nei comuni oltre che impossibile da reclutare. La procedura ad evidenza pubblica è stata predisposta in base al criterio territoriale, dividendo la regione in 9 lotti (coincidenti con gli ambiti provinciali) al fine di rendere una gestione più efficiente dal punto di vista logistico, con ricadute positive sui servizi all’utenza e sulla maggiore economicità. Peraltro la procedura è stata elaborata previa rilevazione del fabbisogno di ogni singolo comune in ordine all’ammontare delle riscossioni e alle previsioni di incasso. L’esito della gara ha visto prevalere i raggruppamenti guidati dalle società Engineering (lotti 1, 4 e 6), Ica (lotti 2, 3 e 5) e Sorit (lotti 7, 8 e 9), per un importo complessivo di oltre 205 milioni rispetto ai 221 a base d’asta: è stato quindi conseguito un risparmio di oltre 16 milioni di euro. La durata del servizio è fissata al 31 dicembre 2018, come previsto dall’art. 1.2. del capitolato tecnico (norme tecniche).